Passa ai contenuti principali

Il mio primo romanzo: Il boiaro


In questi ultimi dieci anni ho pubblicato molti volumi, per lo più libri scritti sotto forma di interviste, che trattano varie tematiche sociali - come mobbing, detenzione, massoneria, ecc. -; “Il boiaro”, invece, è il mio primo romanzo, che ho iniziato a scrivere nel 1986, quando avevo vent'anni. Sin dall'inizio avevo chiara l'idea di parlare di una persona che viveva in un piccolo mondo dorato fatto di certezze, sicurezze e convinzioni; un mondo dove ognuno aveva - bello o brutto che fosse - un suo preciso ruolo sociale. Era il mondo del mio protagonista, un proprietario terriero, appartenente al ceto sociale dei boiari, di nome Ivan Vasil'evič Nikonov.
La rivoluzione del 1917 entra con prepotenza nella vita di Ivan, mettendo tutto in discussione e facendo crollare le sue certezze. A causa della rivoluzione, con i contadini che si ribellano al suo dominio, Ivan è costretto a fuggire e a compiere un percorso, a riflettere sulla sua storia, a darsi degli obiettivi e anche a sporcarsi le mani. Ed è un percorso che nel libro si sviluppa lungo tredici capitoli, ognuno dei quali sembra predominato da un colore che evidenzia i sentimenti che, di volta in volta, provano i personaggi del romanzo nel loro confrontarsi, scontrarsi o accompagnarsi, direi quasi per mano, nella loro esistenza; in queste pagine provo a far emergere quella piccola luce che è presente nell'animo di ogni uomo, contadino o boiaro che sia.

Non sono mai stato in Russia e per la stesura di questo romanzo mi sono state di grande aiuto sia la lettura del libro “La vita quotidiana in Russia al tempo dell'ultimo zar”, che le osservazioni e i suggerimenti dell'amico Massimo Valli, laureato in lingua e letteratura russa, che ha scritto anche la prefazione. Di certo, comunque, un giorno andrò in Russia perché desidero visitare diversi luoghi di questo sterminato Paese, come la città di San Pietroburgo e le rive dei fiumi Volga e Don.

Commenti

  1. Da Donatella Zabeo ho ricevuto il seguente commento:

    Letto tutto d'un fiato “Il boiaro” di Carlo Silvano, ingurgitandone i colori e le passioni.
    Scrittura coinvolgente e fluida, ricca di ovattati silenzi bianchi e forti tinte rosso sangue.
    Ho sentito gli scontri tra il rassicurante “possedere” e “avere” del nostro protagonista e la sua successiva paura di non essere più l'artefice del proprio destino e di perdere, così, la propria identità, anche quella spirituale. Gli eventi esterni sono il fattore variabile che sconvolge l'equilibrio costruito e coltivato negli anni, a prescindere se viviamo o meno in quella rivoluzione russa che Carlo dipinge come semplice sfondo alla vita dei protagonisti del suo romanzo.
    (Donatella Zabeo)

    RispondiElimina
  2. Da Carmen Aprea ho ricevuto il seguente commento:

    Ciao Carlo, non ci crederai ma ho appena finito di leggere il tuo romanzo... Ti faccio i miei più vivi complimenti.
    E' un romanzo breve, scritto in uno stile narrativo semplice, chiaro e scorrevole, assolutamente piacevole da leggere. Dietro l'apparente semplicità degli avvenimenti che si succedono, ma forse proprio grazie ad essa, il lettore riesce a cogliere nettamente le contraddizioni e i dubbi dell'animo umano di fronte ai grandi cambiamenti storici, come appunto la rivoluzione bolscevica russa del 1917. Da una parte , quindi, la speranza degli oppressi, dall'altra il sentimento di ribellione dei privilegiati. Un'incolmabile distanza fra due mondi che solo il dolore riuscirà a riavvicinare perchè come ci fa notare Massimo Valli, nella sua interessante prefazione all'opera, di fronte al dolore gli uomini si riscoprono per quello che sono.
    Anche se non potrò essere presente fisicamente alla presentazione del libro, ti faccio un grande in bocca al lupo!... un abbraccio
    (Carmen Aprea)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

E' a Villorba il "cuore veneto" dell'arte marziale del Ju-Jitsu

Villorba - Sono già quattro anni che gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” di Villorba partecipano a manifestazioni sportive, sia a livello nazionale che interregionale, ottenendo apprezzabili riconoscimenti. “La nostra squadra di atleti – afferma il direttore tecnico Sergio cav. Collodet – è composta da fanciulli e ragazzi per la sezione pre-agonistica e per quella agonistica da esordienti in poi. Nella nostra regione non sono tante le società sportive che praticano ilfighting e di conseguenza alle varie manifestazioni organizzate in ambito Fijlkam Coni il nostro gruppo di Villorba si ritrova praticamente da solo a rappresentare il Veneto”.

cav. Sergio Collodet (direttore tecnico dell'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002)

Il “fighting” è un termine inglese che si traduce in “combattimento” e in questi ultimi mesi gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” che praticano l’arte marziale del Ju-Jitsu, hanno partecipato a manifestazioni e a gare svoltesi a Roma, Genova …

Nizza, città francese o italiana?

Intervista allo storico e politico Alain Roullier-Laurens
LA CITTÀ DI NIZZA RIPENSA AL SUO PASSATO ITALIANO
Ha dato i natali a Giuseppe Garibaldi, artefice dell'unità nazionale
Perché in certi libri scolastici non si parla della cessione della città di Nizza e della regione della Savoia da parte del governo di Torino a quello di Parigi nel 1860? Da questo interrogativo prende lo spunto l'intervista che segue, rilasciataci da Alain Roullier-Laurens, fondatore della “Lega per la restaurazione delle libertà nizzarde”.
Nato a Nizza nel 1946, Alain Roullier-Laurens discende per parte di madre da una famiglia residente a Nizza ancor prima del 1388, anno della dedizione ai Savoia, ed è autore di numerosi libri che hanno provocato scalpore - ogni volta che sono usciti - sull'ideologia indipendentista nizzarda, sui retroscena dell'annessione e del falso plebiscito. I libri di Alain Roullier si basano su documenti inediti ed adoperati per la prima volta, come il monumentale "Ni…

Federico Bettiol, Dieci anni col Kimono di Karate e di Ju-Jitsu

VILLORBA - Nella squadra degli agonisti della "Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002" uno degli atleti di riferimento è certamente Federico Bettiol (foto a dx), classe 1996, che ha iniziato a praticare karate all'età di 12 anni e, attualmente, ha raggiunto la cintura "Nera 1^ DAN" di Karate e quella "Blu" di Ju-Jitsu.  L'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002 ha sede a Villorba e ha come direttore tecnico il cav. Sergio Collodet.
"Ho scelto di praticare arti marziali per imparare a difendermi - afferma Federico -, ma soprattutto per migliorare la mia condizione fisica; inoltre, ero alla ricerca di uno sport in cui non ci fosse rivalità tra compagni all’interno dello spogliatoio, cosa che invece ho sperimentato in altri sport".
Federico, cosa si prova la prima volta che si sale su un tatami per una gara con un ragazzo completamente sconosciuto? In base alla mia personale esperienza posso dire che la prima volta che sali sul tatami e non sai chi ti tro…