Passa ai contenuti principali

Con l'infibulazione la donna subisce solo danni

Santandrà di Povegliano - Sono troppe le coppie che rifiutano di avere figli e la classe politico-amministrativa non è capace di elaborare e attuare incisive azioni, tali da impedire l'invecchiamento del nostro Paese. In questo contesto gli immigrati possono rappresentare una preziosa risorsa, ma certi flussi migratori portano con sé anche problemi - come quello della poligamia e dell'infibulazione - che, solo fino a pochi anni fa, erano sconosciuti in Italia. Il prossimo 9 ottobre, alle ore 20.45, nei locali della parrocchia di Santandrà di Povegliano in via Chiesa 1, si svolgerà un incontro sull'infibulazione. Tra i relatori anche il ginecologo Vincenzo Aloisi, che ha rilasciato l'intervista che segue.

Dottor Aloisi, sotto il profilo chirurgico come avviene l'infibulazione?
L'Organizzazione mondiale della sanità ha classificato quattro tipi di infibulazione. Nel primo caso si tratta di una lieve escoriazione, o puntura del clitoride, con fuoriuscita di sette gocce di sangue: sostanzialmente si tratta di una pratica simbolica. Nel secondo caso abbiamo l'asportazione del clitoride, con o senza piccole incisioni delle piccole labbra. Nel terzo caso, invece, oltre al clitoride si procede anche all'asportazione delle piccole labbra e di parte delle grandi labbra con successiva cucitura esterna, in cui vengono lasciati piccoli fori per la minzione e l'espulsione del mestruo. Il quarto caso di infibulazione, infine, concerne altri interventi più estesi e mutilanti dei primi.

Questo genere di mutilazioni comporta dei benefici per la donna?
No. Subiscono solo danni.

Quali sono - sotto il profilo igienico, sanitario e psicologico - i lati negativi di questa pratica?
Come conseguenze immediate si riscontrano emorragie, proprio come è avvenuto per il recente caso di Treviso! E poi dismenorree, infezioni vaginali, cistiti, ritenzione urinaria, sepsi generalizzate, ecc. Inoltre, perdendo la donna la sua sessualità più spiccata, essendo il clitoride ricchissimo di terminazioni nervose, essa viene privata del suo erotismo. Rimane quindi solo oggetto di soddisfazione per l'uomo che la sposerà - e che provvederà alla sua defibulazione - e mezzo di prolificazione. Mi chiedo: è questa una donna? O è solo un oggetto, considerato spesso anche privo di anima?

In Italia l'infibulazione è vietata, ma viene comunque praticata clandestinamente nel chiuso delle abitazioni domestiche...
Nel nostro Paese la Legge 9/1/2006, n. 7 proibisce qualunque pratica di infibulazione, prevedendo sanzioni penali. L'art. 583 bis del Codice penale contempla la reclusione per chi la pratica e, se medici, anche l'interdizione della professione.

Avendo come riferimento la deontologia professionale dei medici, lei ritiene possibile legalizzare l'infibulazione in Italia?
Dal punto di vista personale, contrariamente al parere del mio collega medico, dott. Omar Abdulcadir, che lavora in Toscana, e che ha proposto un'infibulazione “soft” praticata in ospedale, dico che questo genere di mutilazioni non possono - anzi non devono - essere legalizzate in Italia. Sforziamoci a convincere le persone che praticano l'infibulazione a trasformarla in un rito incruento e simbolico, riguardante solamente una purezza interiore.

Oggi, con le attuali tecniche di chirurgia plastica, si possono ricostruire le parti mutilate ad una donna che da bambina ha subito l'infibulazione?
Sicuramente la chirurgia può far tanto, ma i risultati dipendono dal tipo di lesioni esistenti. (Carlo Silvano)

Commenti

Post popolari in questo blog

Nizza, città francese o italiana?

Intervista allo storico e politico Alain Roullier-Laurens
LA CITTÀ DI NIZZA RIPENSA AL SUO PASSATO ITALIANO
Ha dato i natali a Giuseppe Garibaldi, artefice dell'unità nazionale
Perché in certi libri scolastici non si parla della cessione della città di Nizza e della regione della Savoia da parte del governo di Torino a quello di Parigi nel 1860? Da questo interrogativo prende lo spunto l'intervista che segue, rilasciataci da Alain Roullier-Laurens, fondatore della “Lega per la restaurazione delle libertà nizzarde”.
Nato a Nizza nel 1946, Alain Roullier-Laurens discende per parte di madre da una famiglia residente a Nizza ancor prima del 1388, anno della dedizione ai Savoia, ed è autore di numerosi libri che hanno provocato scalpore - ogni volta che sono usciti - sull'ideologia indipendentista nizzarda, sui retroscena dell'annessione e del falso plebiscito. I libri di Alain Roullier si basano su documenti inediti ed adoperati per la prima volta, come il monumentale "Ni…

Il dono dell'amicizia tra un sacerdote e una laica

Poche ore fa è stato chiuso in tipografia la seconda ristampa del volume "Il dono dell'amicizia", a firma di don Olivo Bolzon e di Marisa Restello. Qui di seguito la presentazione scritta dai due Autori che descrivono la propria quotidianità vissuta insieme all'insegna del dono del celibato e del sacerdozio. Presentazione È l’occasione per ringraziare i nostri lettori che hanno accolto questa semplice testimonianza sincera e gioiosa e tanti altri che ce l’hanno chiesta e desiderano partecipare a un dono prezioso per tutti, oggi soprattutto. Proprio in questi giorni un caro amico è venuto a trovarci e a leggere insieme un piccolo brano che, secondo lui, era il centro del messaggio. Insieme abbiamo constatato che il cammino della liberazione non è né un fatto di bravura, né una via tracciata e uguale per tutti. La relazione uomo-donna diventa sempre più liberante nella misura in cui va oltre ogni problematica e si fa comunione. Pensando alla comunione, per noi cr…

Il cinema forense raccontato da Agostino La Rana

E' un libro davvero singolare quello che l'avv. Agostino La Rana ha scritto e pubblicato recentemente col titolo "Il cinema forense", perché ci introduce in una parte del mondo del cinema facendoci scoprire, con gli occhi dell'avvocato, i pregi ed i limiti di tanti film apprezzati dal grande pubblico. Agostino La Rana, nato a Pompei nel 1963, è un affermato avvocato cassazionista autore di numerose pubblicazioni scientifiche e di un romanzo, e, riguardo al suo ultimo volume, afferma: "Il libro è – innanzitutto – un censimento sul cinema forense, per essere più precisi è il primo censimento. Proprio a causa dell’assenza di pubblicazioni in materia ho dovuto “inventare” un metodo per censire e recensire i film, metodo che ho illustrato nella “Introduzione” e che mi riesce difficile sintetizzare in poche parole. Mi limito solo a ricordare che sono stati selezionati i film che hanno un contenuto didattico per avvocati e studenti di giurisprudenza".


Avv. La Ra…