Passa ai contenuti principali

Villorba. Campo scuola per i ragazzi del 2005


VILLORBA – Sabato 9 giugno da Villorba sono partiti ragazzi e catechisti con una valigia piena di ansie e timori per ritornare lunedì 11 carichi di contentezza e di esperienze maturate nel corso di un campo scuola svoltosi al Centro di cultura e spiritualità “Papa Albino Luciani” nel comune di Santa Giustina, in provincia di Belluno.


Centro di cultura e spiritualità
"Papa Albino Luciani"

Promosso e organizzato da un gruppetto di catechisti sostenuti da don Paolo Scattolin, parroco di Villorba, e realizzato grazie ad un cospicuo contributo finanziario offerto dal locale Circolo Oratorio NOI presieduto dal signor Enrico Galvan, si è svolto nei giorni 9, 10 e 11 giugno un campo scuola per diciannove ragazzi (classe 2005) dedicato allo studio dei Dieci Comandamenti e al valore dell’amicizia tra noi e Dio. Il gruppo dei ragazzi era composto da sette maschi e dodici femmine.
Nel corso del campo scuola è stato, in particolare, sottolineata la fondamentale relazione che ogni persona dovrebbe curare con Dio Padre e a guidare le riflessioni dei ragazzi, nonché a preparare i pasti, un nutrito gruppo di catechisti composto da Giuliana Durante, Rosadele Licini, Carlo Silvano, Rosa Uricchio, Lucia Oppes e Luca Campeotto insieme all’animatrice Elena Bortoletto con Stefano, di anni dieci, come mascotte.


Il gruppo dei catechisti (da sx verso dx): 
Giuliana, Carlo, Rosadele, Luca, Lucia e Rosa


I tre giorni del campo scuola sono stati pieni di attività con lezioni in aula, gruppi di studio, riflessioni personali, momenti di preghiera, passeggiate per i boschi, partite di calcio e calcetto, condivisione dei pasti e pulizia dei locali, attività di cucito, proiezioni di film e animazione teatrale. Molto partecipata anche la santa Messa con don Paolo celebrata nel tardo pomeriggio della domenica. Durante la permanenza al Centro nessun ragazzo ha sentito la necessità di avere a disposizione un telefonino.



Sul piccolo campo da calcio del Centro



La preparazione di un pasto con Lucia e Luca

Al termine del campo scuola dovendosi esprimere su questa esperienza, attraverso un anonimo questionario di gradimento, ben diciotto ragazzi hanno affermato che la “tre-giorni” è piaciuta “molto”, mentre un solo partecipante ha definito “abbastanza” interessate ciò che ha vissuto durante il soggiorno.


Un gruppo di studio con Elena Bortoletto (al centro della foto)



Un gruppo di studio


Passeggiata tra i boschi


Una partita a calcetto


Durante il campo scuola i ragazzi hanno spesso, e in vario modo, sollecitato la possibilità di realizzare nuove esperienze del genere e anche i genitori hanno dimostrato di apprezzare molto l’impegno che la comunità parrocchiale e il Circolo Oratorio Noi di Villorba hanno offerto ai loro figli.
(a cura di Carlo Silvano)

Commenti

Post popolari in questo blog

E' a Villorba il "cuore veneto" dell'arte marziale del Ju-Jitsu

Villorba - Sono già quattro anni che gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” di Villorba partecipano a manifestazioni sportive, sia a livello nazionale che interregionale, ottenendo apprezzabili riconoscimenti. “La nostra squadra di atleti – afferma il direttore tecnico Sergio cav. Collodet – è composta da fanciulli e ragazzi per la sezione pre-agonistica e per quella agonistica da esordienti in poi. Nella nostra regione non sono tante le società sportive che praticano ilfighting e di conseguenza alle varie manifestazioni organizzate in ambito Fijlkam Coni il nostro gruppo di Villorba si ritrova praticamente da solo a rappresentare il Veneto”.

cav. Sergio Collodet (direttore tecnico dell'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002)

Il “fighting” è un termine inglese che si traduce in “combattimento” e in questi ultimi mesi gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” che praticano l’arte marziale del Ju-Jitsu, hanno partecipato a manifestazioni e a gare svoltesi a Roma, Genova …

Nizza, città francese o italiana?

Intervista allo storico e politico Alain Roullier-Laurens
LA CITTÀ DI NIZZA RIPENSA AL SUO PASSATO ITALIANO
Ha dato i natali a Giuseppe Garibaldi, artefice dell'unità nazionale
Perché in certi libri scolastici non si parla della cessione della città di Nizza e della regione della Savoia da parte del governo di Torino a quello di Parigi nel 1860? Da questo interrogativo prende lo spunto l'intervista che segue, rilasciataci da Alain Roullier-Laurens, fondatore della “Lega per la restaurazione delle libertà nizzarde”.
Nato a Nizza nel 1946, Alain Roullier-Laurens discende per parte di madre da una famiglia residente a Nizza ancor prima del 1388, anno della dedizione ai Savoia, ed è autore di numerosi libri che hanno provocato scalpore - ogni volta che sono usciti - sull'ideologia indipendentista nizzarda, sui retroscena dell'annessione e del falso plebiscito. I libri di Alain Roullier si basano su documenti inediti ed adoperati per la prima volta, come il monumentale "Ni…

Arti marziali, non è mai troppo tardi per iniziare. Intervista all’allenatore federale Monica Mano

VILLORBA - “Sono 23 anni che mi sono avvicinata al mondo delle arti marziali: ho iniziato tardi, ma è sempre stata la passione di una vita”, è con queste parole che Monica Mano descrive la propria esperienza di karateca iniziata nel 1995. Oggi Monica Mano è allenatore federale FIJLKAM/CONI, insegnante tecnico di Karate e cintura nera III DAN, nonché consigliere della società “Asd Studio Karate Ju Jitsu 2002” e responsabile tecnico degli insegnanti per il settore Karate. “Nell’ambito delle gare di Fighting di Ju Jitsu – aggiunge Monica – do il mio supporto tecnico soprattutto per la prima parte della gara, cioè la fase di combattimento con calci e pugni”.


Rispetto ad altre discipline di arti marziali, come Aikido, Judo e Karate, qual è la peculiarità del Ju Jitsu?
Tutte le arti marziali, per la formazione che danno, sono discipline valide. Sicuramente nel Ju Jitsu si ottiene una formazione finalizzata soprattutto ad acquisire un’ottima capacità di difesa personale.
Monica Mano (allenator…