Passa ai contenuti principali

Inchiodati ad una croce

Dal Vangelo di Luca (23,33-43)
Quando giunsero al luogo detto Cranio, là crocifissero lui e i due malfattori, uno a destra e l'altro a sinistra. Gesù diceva: «Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno».
Dopo essersi poi divise le sue vesti, le tirarono a sorte.
Il popolo stava a vedere, i capi invece lo schernivano dicendo: «Ha salvato gli altri, salvi se stesso, se è il Cristo di Dio, il suo eletto». Anche i soldati lo schernivano, e gli si accostavano per porgergli dell'aceto, e dicevano: «Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso». C'era anche una scritta, sopra il suo capo: Questi è il re dei Giudei.
Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e anche noi!». Ma l'altro lo rimproverava: «Neanche tu hai timore di Dio e sei dannato alla stessa pena? Noi giustamente, perché riceviamo il giusto per le nostre azioni, egli invece non ha fatto nulla di male». E aggiunse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità ti dico, oggi sarai con me nel paradiso».

Prima o poi nella vita capita un po' a tutti di ritrovarsi “inchiodati ad una croce”: una malattia, una situazione economica difficile e forse impossibile da superare, la perdita di una persona cara e così via. In situazioni del genere è come se ci ritrovassimo, appunto, “inchiodati ad una croce” e vorremmo, giustamente, che qualcuno si adoperasse per noi, che strappasse i chiodi che ci immobilizzano e ci aiutasse a scendere dalla croce per poi curarci le ferite. È umano tutto ciò ed è ciò che ha pensato uno dei due ladroni che si è ritrovato crocifisso insieme a Gesù Cristo. I suoi insulti e la sua rabbia, però, non sono serviti a nulla e sembra che per lui si siano aperte le porte di un luogo pieno di solitudine e di angoscia.
Ora, al di là della nostra fede e delle nostre credenze su un'eventuale vita ultraterrena, leggere e meditare il brano del Vangelo di Luca (23,33-43) ci può senz'altro aiutare a riflettere sulla nostra vita e a trovare un incoraggiamento e un sostegno quando abbiamo delle prove da affrontare e gestire. Questo brano del Vangelo non ci farà sperare nell'inatteso intervento di qualcuno che, appunto, ci tolga i chiodi dalla carne per farci scendere dalla croce dei nostri problemi, ma ci aiuterà certamente ad ascoltare meglio chi vedendoci in grande difficoltà e senza un'apparente via d'uscita, ci propone di seguire un'altra strada per dare un senso alla nostra vita. Un senso, forse, anche più profondo e completo di quello che avremmo voluto cercare e attuare.
Cosa chiede il ladrone che insulta Gesù? Gli chiede un intervento miracoloso e capace di liberarlo dall'atroce sofferenza che lo sta facendo morire; il ladrone chiede a Gesù di farlo scendere dalla croce affinché lui possa ritornare a fare la stessa vita di prima, cioè a delinquere, a far soffrire altre persone – le sue future vittime – e a condurre una vita da randagio.
L'altro ladrone, invece, è consapevole che la propria vita è giunta al capolinea e pur provando i dolori della crocifissione riesce a trovare in se stesso la lucidità per rifiutare la vita che sino ad allora aveva condotto.

Questo episodio narrato dall'evangelista Luca ci invita anche a credere che nella nostra vita possiamo incontrare, soprattutto nei momenti più difficili, una persona che può darci un aiuto; forse non sarà il tipo di aiuto che cercavamo e che ci aspettavamo di avere, ma non dobbiamo escludere che proprio quell'aiuto, così diverso da come avremmo voluto noi, può aprirci a nuovi e migliori orizzonti di vita.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' a Villorba il "cuore veneto" dell'arte marziale del Ju-Jitsu

Villorba - Sono già quattro anni che gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” di Villorba partecipano a manifestazioni sportive, sia a livello nazionale che interregionale, ottenendo apprezzabili riconoscimenti. “La nostra squadra di atleti – afferma il direttore tecnico Sergio cav. Collodet – è composta da fanciulli e ragazzi per la sezione pre-agonistica e per quella agonistica da esordienti in poi. Nella nostra regione non sono tante le società sportive che praticano ilfighting e di conseguenza alle varie manifestazioni organizzate in ambito Fijlkam Coni il nostro gruppo di Villorba si ritrova praticamente da solo a rappresentare il Veneto”.

cav. Sergio Collodet (direttore tecnico dell'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002)

Il “fighting” è un termine inglese che si traduce in “combattimento” e in questi ultimi mesi gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” che praticano l’arte marziale del Ju-Jitsu, hanno partecipato a manifestazioni e a gare svoltesi a Roma, Genova …

Nizza, città francese o italiana?

Intervista allo storico e politico Alain Roullier-Laurens
LA CITTÀ DI NIZZA RIPENSA AL SUO PASSATO ITALIANO
Ha dato i natali a Giuseppe Garibaldi, artefice dell'unità nazionale
Perché in certi libri scolastici non si parla della cessione della città di Nizza e della regione della Savoia da parte del governo di Torino a quello di Parigi nel 1860? Da questo interrogativo prende lo spunto l'intervista che segue, rilasciataci da Alain Roullier-Laurens, fondatore della “Lega per la restaurazione delle libertà nizzarde”.
Nato a Nizza nel 1946, Alain Roullier-Laurens discende per parte di madre da una famiglia residente a Nizza ancor prima del 1388, anno della dedizione ai Savoia, ed è autore di numerosi libri che hanno provocato scalpore - ogni volta che sono usciti - sull'ideologia indipendentista nizzarda, sui retroscena dell'annessione e del falso plebiscito. I libri di Alain Roullier si basano su documenti inediti ed adoperati per la prima volta, come il monumentale "Ni…

Federico Bettiol, Dieci anni col Kimono di Karate e di Ju-Jitsu

VILLORBA - Nella squadra degli agonisti della "Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002" uno degli atleti di riferimento è certamente Federico Bettiol (foto a dx), classe 1996, che ha iniziato a praticare karate all'età di 12 anni e, attualmente, ha raggiunto la cintura "Nera 1^ DAN" di Karate e quella "Blu" di Ju-Jitsu.  L'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002 ha sede a Villorba e ha come direttore tecnico il cav. Sergio Collodet.
"Ho scelto di praticare arti marziali per imparare a difendermi - afferma Federico -, ma soprattutto per migliorare la mia condizione fisica; inoltre, ero alla ricerca di uno sport in cui non ci fosse rivalità tra compagni all’interno dello spogliatoio, cosa che invece ho sperimentato in altri sport".
Federico, cosa si prova la prima volta che si sale su un tatami per una gara con un ragazzo completamente sconosciuto? In base alla mia personale esperienza posso dire che la prima volta che sali sul tatami e non sai chi ti tro…