Passa ai contenuti principali

Ius soli, così impoveriamo ulteriormente l'Africa

In questi giorni si torna a parlare dello Ius soli e anch'io vorrei esprimere la mia opinione.
Se da un lato sono convinto della necessità di accogliere e di manifestare concretamente la propria solidarietà umana a quanti sono costretti a scappare dal proprio Paese di origine a causa di guerre e carestie, dall'altro credo che non si debbano porre le basi per far sì che tutti - col proprio stile di vita e con la propria cultura giuridica - possano concentrarsi nel nostro Paese.
E' giusto che le nostre navi militari si prodighino per salvare il maggior numero di vite umane abbandonate alla deriva sui noti gommoni al centro del Mediterraneo, ma le persone una volta salvate, vanno accolte in centri umanitari per essere curate e nutrite. E' possibile che queste persone debbano restare in questi centri anche per sei mesi, un anno o due, e magari cogliere l'occasione per imparare la nostra lingua e avere la possibilità di seguire dei corsi di studio, ma poi devono essere aiutate a ritornare nel proprio Paese di origine.
In effetti, se è necessario offrire una buona e dignitosa assistenza a chi scappa è anche fondamentale, soprattutto a livello di Unione europea, fare in modo che in certi Paesi come la Nigeria, la Siria e l'Eritrea, si creino le condizioni per favorire la pace sociale e il ritorno di chi è dovuto scappare via.
L'Africa si sta impoverendo sotto tutti gli aspetti e certe aziende occidentali non stanno solo sfruttando i suoi giacimenti petroliferi e le sue miniere, ma si preparano anche a depredarla delle sue risorse umane: più giovani africani vengono in Europa, più l'Africa diventa povera e resta in balia di Paesi come la Cina che lì stanno "acquistando" tutto.
A mio avviso con lo Ius soli si rischia di offrire a tanti disperati l'illusione di potersi stabilire tra noi e di poter avere un lavoro, una casa e altre condizioni per crearsi una propria famiglia. Ma sarà così?
Sono convinto, in conclusione, che la nostra accoglienza dev'essere strutturata in modo tale da aiutare queste persone a ritrovare la forza e la volontà di costruire il proprio futuro nella terra di origine.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' a Villorba il "cuore veneto" dell'arte marziale del Ju-Jitsu

Villorba - Sono già quattro anni che gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” di Villorba partecipano a manifestazioni sportive, sia a livello nazionale che interregionale, ottenendo apprezzabili riconoscimenti. “La nostra squadra di atleti – afferma il direttore tecnico Sergio cav. Collodet – è composta da fanciulli e ragazzi per la sezione pre-agonistica e per quella agonistica da esordienti in poi. Nella nostra regione non sono tante le società sportive che praticano ilfighting e di conseguenza alle varie manifestazioni organizzate in ambito Fijlkam Coni il nostro gruppo di Villorba si ritrova praticamente da solo a rappresentare il Veneto”.

cav. Sergio Collodet (direttore tecnico dell'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002)

Il “fighting” è un termine inglese che si traduce in “combattimento” e in questi ultimi mesi gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” che praticano l’arte marziale del Ju-Jitsu, hanno partecipato a manifestazioni e a gare svoltesi a Roma, Genova …

Nizza, città francese o italiana?

Intervista allo storico e politico Alain Roullier-Laurens
LA CITTÀ DI NIZZA RIPENSA AL SUO PASSATO ITALIANO
Ha dato i natali a Giuseppe Garibaldi, artefice dell'unità nazionale
Perché in certi libri scolastici non si parla della cessione della città di Nizza e della regione della Savoia da parte del governo di Torino a quello di Parigi nel 1860? Da questo interrogativo prende lo spunto l'intervista che segue, rilasciataci da Alain Roullier-Laurens, fondatore della “Lega per la restaurazione delle libertà nizzarde”.
Nato a Nizza nel 1946, Alain Roullier-Laurens discende per parte di madre da una famiglia residente a Nizza ancor prima del 1388, anno della dedizione ai Savoia, ed è autore di numerosi libri che hanno provocato scalpore - ogni volta che sono usciti - sull'ideologia indipendentista nizzarda, sui retroscena dell'annessione e del falso plebiscito. I libri di Alain Roullier si basano su documenti inediti ed adoperati per la prima volta, come il monumentale "Ni…

Federico Bettiol, Dieci anni col Kimono di Karate e di Ju-Jitsu

VILLORBA - Nella squadra degli agonisti della "Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002" uno degli atleti di riferimento è certamente Federico Bettiol (foto a dx), classe 1996, che ha iniziato a praticare karate all'età di 12 anni e, attualmente, ha raggiunto la cintura "Nera 1^ DAN" di Karate e quella "Blu" di Ju-Jitsu.  L'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002 ha sede a Villorba e ha come direttore tecnico il cav. Sergio Collodet.
"Ho scelto di praticare arti marziali per imparare a difendermi - afferma Federico -, ma soprattutto per migliorare la mia condizione fisica; inoltre, ero alla ricerca di uno sport in cui non ci fosse rivalità tra compagni all’interno dello spogliatoio, cosa che invece ho sperimentato in altri sport".
Federico, cosa si prova la prima volta che si sale su un tatami per una gara con un ragazzo completamente sconosciuto? In base alla mia personale esperienza posso dire che la prima volta che sali sul tatami e non sai chi ti tro…