Passa ai contenuti principali

L'onda azzurra, Viaggio nel mondo di Crio


Capitolo I


Nessun rumore. Nemmeno un odore. Provava una strana sensazione, quasi fosse sospeso nell'aria; forse lo era veramente. Si sentiva bene, però. Provò ad aprire gli occhi. Niente. Non riusciva a percepire alcun muscolo del proprio corpo. Nemmeno il suo respiro avvertiva.
"Sono morto?", si domandò senza provare alcuna emozione, dopo l'ennesimo tentativo andato a vuoto di alzare le palpebre.
"Sono solo!", si disse.
Si sforzò di ricordare ciò che aveva fatto negli ultimi giorni. Niente. Nessun ricordo affiorava alla mente, e continuava invece a sentirsi leggero e sospeso nel vuoto.
Era sicuro di stare ancora in un corpo, nel suo corpo, ma non riusciva ad avvertire nulla; neanche un dolore o un fastidio.
Provò allora a immaginare il suo corpo e si riconobbe sul letto di un ospedale. Era successo qualcosa di molto grave. Forse di irreparabile. Non per questo, però, ebbe paura. Anzi, continuò a restare tranquillo. Senz'altro attorno a lui c'erano medici e infermieri che si davano un gran da fare per salvargli la vita, e di certo oltre la porta della sala operatoria c'erano genitori, parenti e amici che si disperavano per quanto era successo. Lui, intanto, non sentiva dolore e non provava paura. Era molto rilassato. La sala operatoria doveva essere ben illuminata, ma lui continuava a non percepire nulla; non riusciva neppure a intravedere l'accecante luce dei fari che certamente gli piombava addosso dal soffitto, e non capiva, ora, nemmeno se avesse o meno gli occhi aperti. Forse qualche chirurgo lo stava operando e il suo sangue e la sua carne stavano lottando per vivere, per trattenere nel corpo il soffio della vita. Non poteva escluderlo. Continuava ancora a chiedersi cosa potesse succedere attorno al suo corpo, quando iniziò a provare una strana sensazione perché qualcosa di misterioso e di impenetrabile si stava avvicinando. Non riusciva a capire cosa potesse essere. Eppure qualcosa stava accadendo.

Attorno a lui aveva iniziato a ruotare molto lentamente una potente forza e man mano che questa gli girava attorno, lui provava strane sensazioni, sempre più forti: a tratti percepiva un rassicurante tepore, per poi essere colto da improvvisi e piacevoli brividi di freddo che lo facevano precipitare velocemente in un vuoto senza fine e fuori dal tempo. Inutile pensare alla durata di ciò che gli stava capitando. Era in un vortice: quella forza misteriosa sapeva miscelare bene le emozioni da fargli provare e per un tempo infinito. Poi, all'improvviso, tutto si fermò, e quella strana forza iniziò a prendere la forma di una gigantesca e placida onda azzurra. Una massa d'acqua che lentamente procedeva verso di lui, e lui non aveva paura. Fu un attimo e l'acqua gli lambì i piedi. Solo ora iniziò a percepire il suo corpo. Sì, avvertiva di avere un corpo. L'acqua azzurra, tiepida e trasparente, iniziò a penetrare dentro di lui dai piedi arrecandogli un benessere mai provato prima. Si sentiva bene, tranquillo e rilassato. L'acqua, lentamente, attraversò le gambe e i ginocchi come se volesse sbriciolare e disperdere lontano ciò che non apparteneva al suo corpo. Si sentiva libero, tonificato, e provò una profonda pace quando l'acqua si riversò nel ventre svuotandolo da ogni peso, da ogni impurità, continuando a salire per depurare il fegato e rigenerargli il cuore.
Lentamente l'onda azzurra fluttuava, attraversando anche le arterie e le vene, per arrivare alle mani e poi ai polmoni, riempendoli e rilassandoli. Poi, sempre lentamente, l'onda azzurra attraversò anche la gola per penetrare nel cranio, e al tepore seguì una gradevole sensazione di purificazione.
Era libero dentro di sé. Completamente libero. Ora nulla contaminava il suo corpo. Ed ora che l'onda azzurra lo aveva completamente conquistato occupando ogni cellula del suo corpo, iniziò a liberarlo, trascinando con sé tutti i residui delle ansie e dei timori che spesso lo avevano accompagnato nel corso di grigie e monotone giornate. L'onda azzurra lasciava il suo cranio scivolando piano giù per la gola, i polmoni, le viscere e le gambe, per poi uscire completamente dai piedi.
Marco, ora, e solo ora, era veramente libero e aprì gli occhi: era disteso sulla sabbia con il cielo celeste e limpido che, in alto, gli si spalancava davanti senza confine, mentre leggere e tranquille onde marine si avvicinavano timidamente ai suoi piedi e lui percepiva l'incontaminato bacio della soffice schiuma bianca.

Marco si sedette sulla battigia: era su una piccola spiaggia racchiusa in una rada e davanti a lui si estendeva, piatto come una tavola, il mare di un altro mondo, di un mondo appartenente a un altro tempo e a un'altra dimensione. Nessuno scoglio affiorava dal mare e a destra e a sinistra una fitta e ordinata vegetazione ricopriva due imponenti promontori che avanzavano nell'acqua per alcune centinaia di metri. Alle sue spalle e non lontano dovevano esserci folti cespugli di lavanda perché ne percepiva, anche se leggermente, il profumo. Marco, estasiato e cosciente, non si poneva alcuna domanda, ma lasciava solo che i suoi occhi si nutrissero del blu intenso del mare incoronato dalla celeste volta del cielo. Alcuni gabbiani volavano alti e l'aria era fresca. Marco stava bene con se stesso e non aveva alcun desiderio. Gli piaceva l'aria carica di iodio del mare e si sentiva a proprio agio indossando una polo di colore chiaro e dei pantaloncini bianchi. Con la mano sinistra raccolse un pugno di sabbia e la strinse perché gli faceva bene quel contatto: gli dava una calda sensazione. [...]

Commenti

Post popolari in questo blog

E' a Villorba il "cuore veneto" dell'arte marziale del Ju-Jitsu

Villorba - Sono già quattro anni che gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” di Villorba partecipano a manifestazioni sportive, sia a livello nazionale che interregionale, ottenendo apprezzabili riconoscimenti. “La nostra squadra di atleti – afferma il direttore tecnico Sergio cav. Collodet – è composta da fanciulli e ragazzi per la sezione pre-agonistica e per quella agonistica da esordienti in poi. Nella nostra regione non sono tante le società sportive che praticano ilfighting e di conseguenza alle varie manifestazioni organizzate in ambito Fijlkam Coni il nostro gruppo di Villorba si ritrova praticamente da solo a rappresentare il Veneto”.

cav. Sergio Collodet (direttore tecnico dell'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002)

Il “fighting” è un termine inglese che si traduce in “combattimento” e in questi ultimi mesi gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” che praticano l’arte marziale del Ju-Jitsu, hanno partecipato a manifestazioni e a gare svoltesi a Roma, Genova …

Nizza, città francese o italiana?

Intervista allo storico e politico Alain Roullier-Laurens
LA CITTÀ DI NIZZA RIPENSA AL SUO PASSATO ITALIANO
Ha dato i natali a Giuseppe Garibaldi, artefice dell'unità nazionale
Perché in certi libri scolastici non si parla della cessione della città di Nizza e della regione della Savoia da parte del governo di Torino a quello di Parigi nel 1860? Da questo interrogativo prende lo spunto l'intervista che segue, rilasciataci da Alain Roullier-Laurens, fondatore della “Lega per la restaurazione delle libertà nizzarde”.
Nato a Nizza nel 1946, Alain Roullier-Laurens discende per parte di madre da una famiglia residente a Nizza ancor prima del 1388, anno della dedizione ai Savoia, ed è autore di numerosi libri che hanno provocato scalpore - ogni volta che sono usciti - sull'ideologia indipendentista nizzarda, sui retroscena dell'annessione e del falso plebiscito. I libri di Alain Roullier si basano su documenti inediti ed adoperati per la prima volta, come il monumentale "Ni…

Arti marziali, non è mai troppo tardi per iniziare. Intervista all’allenatore federale Monica Mano

VILLORBA - “Sono 23 anni che mi sono avvicinata al mondo delle arti marziali: ho iniziato tardi, ma è sempre stata la passione di una vita”, è con queste parole che Monica Mano descrive la propria esperienza di karateca iniziata nel 1995. Oggi Monica Mano è allenatore federale FIJLKAM/CONI, insegnante tecnico di Karate e cintura nera III DAN, nonché consigliere della società “Asd Studio Karate Ju Jitsu 2002” e responsabile tecnico degli insegnanti per il settore Karate. “Nell’ambito delle gare di Fighting di Ju Jitsu – aggiunge Monica – do il mio supporto tecnico soprattutto per la prima parte della gara, cioè la fase di combattimento con calci e pugni”.


Rispetto ad altre discipline di arti marziali, come Aikido, Judo e Karate, qual è la peculiarità del Ju Jitsu?
Tutte le arti marziali, per la formazione che danno, sono discipline valide. Sicuramente nel Ju Jitsu si ottiene una formazione finalizzata soprattutto ad acquisire un’ottima capacità di difesa personale.
Monica Mano (allenator…