Passa ai contenuti principali

Gabriella Scomparin, letture e commenti

Dalla scrittrice Gabriella Scomparin di Biancade (Roncade) ho ricevuto dei commenti ad alcuni libri che ha letto recentemente.


Gabriella Scomparin (a dx) con Adriana Michielin 


"Liberi reclusi. Storie di minori detenuti", è qualcosa che ho  visto e constatato abbastanza spesso, avendo fatto parte di un'Associazione che si occupava anche dell'integrazione occupazionale dentro e fuori le mura carcerarie.
Che dire, sarebbe meglio prevenire che curare, visto che credo nell'intervento ante litteram, ma purtroppo è una realtà che fino a quando non si intende investire nelle famiglie disagiate, nella scuola e in tutti i luoghi di ritrovo dei giovani  con disagio, supportandoli e affiancandoli nella crescita, in questa società coi valori orientati al far soldi a tutti i costi, o a fare i furbi appena si può e fregare l'altro, credo sia un'utopia.



Nel "Il dono dell'amicizia", scritto da Olivo Bolzon e Marisa Restello, ho constatato come purtroppo il pensare a volte superficiale dettato più dalle apparenze e dalle proprie idee incancrenite (o dall'invidia) possa gettare fango anche in chi in modo impeccabile e retto tenta il vero rinnovamento, quello che parte da dentro, da convinzioni oneste e meritevoli di encomio, uno scardinamento delle  "Cattedrali di marmo", come le chiamo io. 
Marisa, esempio di vera fede e dedizione al prossimo impregnata di un sentire civico profondo ed esemplare esprime attraverso la sua opera dedita al cattolicesimo diretto, mi ha fatto riflettere maggiormente. Credo che donne così sono di esempio e di sprone per chi si basa sulla mercificazione delle identità e non sui valori veri della vita che aiuterebbero l'umanità a raggiungere fratellanza e pace.
Erano altri tempi, il sindacato, le rappresentati del sindacato quando anch'io ci militavo, leggendo alcuni passi mi è sembrato di tornare a quei tempi in cui credevo nel sindacato, oggi spesso è solo un mezzo di strumentalizzazione.
(Il dono dell'amicizia, di don Olivo Bolzon e Marisa Restello, Studio editoriale Carlo Silvano 2014, pp. 112.



In "Cristiani e Musulmani", di Carlo Silvano, ho imparato come ci siano all'interno dell'Islam secondo me, delle contraddizioni.
Certo che gli integralisti ne stanno facendo una bandiera del Corano per giustificare le loro malefatte, per soggiogare  la parte più debole mantenendola nell'ignoranza. In tutte le nazioni in cui vige la loro supremazia purtroppo, i soprusi ai danni anche di cristiani, sono infiniti, ma noi cediamo le nostre cattedrali passando dalla parte di chi non ci tiene al proprio credo, al suo Dio. 

Nel romanzo di Carlo Silvano intitolato "Il boiaro" ho constatato come la guerra faccia emergere sopratutto la crudeltà e lo sconquassamento, e fa perdere la propria umanità all'uomo, chiunque esso sia. La violenza chiama altra violenza purtroppo, la guerra tra uomini nasce sempre dal fare egoistico di altri uomini. Crudeltà e paura ci rendono più animali di altri animali.



In conclusione, ogni esperienza, anche quella di leggere, può farci vedere il mondo da altre prospettive. 
Ciò che fa crescere e capire per cambiare, sono convinta, è  vivere la vita in tutti i suoi momenti e movimenti.
Gabriella SCOMPARIN


Commenti

Post popolari in questo blog

E' a Villorba il "cuore veneto" dell'arte marziale del Ju-Jitsu

Villorba - Sono già quattro anni che gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” di Villorba partecipano a manifestazioni sportive, sia a livello nazionale che interregionale, ottenendo apprezzabili riconoscimenti. “La nostra squadra di atleti – afferma il direttore tecnico Sergio cav. Collodet – è composta da fanciulli e ragazzi per la sezione pre-agonistica e per quella agonistica da esordienti in poi. Nella nostra regione non sono tante le società sportive che praticano ilfighting e di conseguenza alle varie manifestazioni organizzate in ambito Fijlkam Coni il nostro gruppo di Villorba si ritrova praticamente da solo a rappresentare il Veneto”.

cav. Sergio Collodet (direttore tecnico dell'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002)

Il “fighting” è un termine inglese che si traduce in “combattimento” e in questi ultimi mesi gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” che praticano l’arte marziale del Ju-Jitsu, hanno partecipato a manifestazioni e a gare svoltesi a Roma, Genova …

Nizza, città francese o italiana?

Intervista allo storico e politico Alain Roullier-Laurens
LA CITTÀ DI NIZZA RIPENSA AL SUO PASSATO ITALIANO
Ha dato i natali a Giuseppe Garibaldi, artefice dell'unità nazionale
Perché in certi libri scolastici non si parla della cessione della città di Nizza e della regione della Savoia da parte del governo di Torino a quello di Parigi nel 1860? Da questo interrogativo prende lo spunto l'intervista che segue, rilasciataci da Alain Roullier-Laurens, fondatore della “Lega per la restaurazione delle libertà nizzarde”.
Nato a Nizza nel 1946, Alain Roullier-Laurens discende per parte di madre da una famiglia residente a Nizza ancor prima del 1388, anno della dedizione ai Savoia, ed è autore di numerosi libri che hanno provocato scalpore - ogni volta che sono usciti - sull'ideologia indipendentista nizzarda, sui retroscena dell'annessione e del falso plebiscito. I libri di Alain Roullier si basano su documenti inediti ed adoperati per la prima volta, come il monumentale "Ni…

Arti marziali, non è mai troppo tardi per iniziare. Intervista all’allenatore federale Monica Mano

VILLORBA - “Sono 23 anni che mi sono avvicinata al mondo delle arti marziali: ho iniziato tardi, ma è sempre stata la passione di una vita”, è con queste parole che Monica Mano descrive la propria esperienza di karateca iniziata nel 1995. Oggi Monica Mano è allenatore federale FIJLKAM/CONI, insegnante tecnico di Karate e cintura nera III DAN, nonché consigliere della società “Asd Studio Karate Ju Jitsu 2002” e responsabile tecnico degli insegnanti per il settore Karate. “Nell’ambito delle gare di Fighting di Ju Jitsu – aggiunge Monica – do il mio supporto tecnico soprattutto per la prima parte della gara, cioè la fase di combattimento con calci e pugni”.


Rispetto ad altre discipline di arti marziali, come Aikido, Judo e Karate, qual è la peculiarità del Ju Jitsu?
Tutte le arti marziali, per la formazione che danno, sono discipline valide. Sicuramente nel Ju Jitsu si ottiene una formazione finalizzata soprattutto ad acquisire un’ottima capacità di difesa personale.
Monica Mano (allenator…