Passa ai contenuti principali

Una Chiesa di frontiera

QUINTO DI TREVISO - Questa sera c'erano circa 140 persone ad ascoltare Gewargis SLIWA, metropolita di Baghdad, nell'auditorium della chiesa parrocchiale a Quinto di Treviso. La serata è stata promossa e organizzata dal parroco don Artemio Favaro e dal suo valido collaboratore don Filippo, il quale ha fatto da interprete. Il vescovo Sliwa, reduce dal Sinodo delle Chiese orientali appena terminato a Roma, ha parlato delle sofferenze che i cristiani iracheni stanno sperimentando sulla propria pelle in questi ultimi sette anni, da quando gli eserciti occidentali hanno invaso il suo Paese per liberarlo dalla dittatura di Saddam. Omicidi, attentati e rapimenti sono all'ordine del giorno e molte famiglie di cristiani hanno deciso di lasciare l'Irak per cercare - ad esempio in Canada - migliori condizioni di vita e, soprattutto, per sfuggire alle violenze.
Il vescovo Sliwa ha iniziato la sua "conversazione" parlando delle radici della sua Chiesa, la quale risale alla seconda metà del I secolo quando Gesù Cristo, ancora vivo, inviò in una città che all'epoca era irachena un proprio discepolo. Da allora l'Irak ha avuto salde radici cristiane e dalla sua terra sono partiti numerosi missionari, alcuni dei quali giunsero anche in Cina e Giappone.
Il vescovo Sliwa ha parlato anche dei rapporti tra Islam e Cristianesimo, soffermandosi a lungo sulla vita quotidiana dei cristiani e del loro impegno per costruire la pace nel proprio Paese.



In privato ho avuto modo di chiedere al vescovo Sliwa delucidazioni sia sulla possibilità che i preti cattolici della sua diocesi (sono di rito caldeo) hanno di sposarsi, sia sulla condizione socio-economica dei cristiani.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' a Villorba il "cuore veneto" dell'arte marziale del Ju-Jitsu

Villorba - Sono già quattro anni che gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” di Villorba partecipano a manifestazioni sportive, sia a livello nazionale che interregionale, ottenendo apprezzabili riconoscimenti. “La nostra squadra di atleti – afferma il direttore tecnico Sergio cav. Collodet – è composta da fanciulli e ragazzi per la sezione pre-agonistica e per quella agonistica da esordienti in poi. Nella nostra regione non sono tante le società sportive che praticano ilfighting e di conseguenza alle varie manifestazioni organizzate in ambito Fijlkam Coni il nostro gruppo di Villorba si ritrova praticamente da solo a rappresentare il Veneto”.

cav. Sergio Collodet (direttore tecnico dell'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002)

Il “fighting” è un termine inglese che si traduce in “combattimento” e in questi ultimi mesi gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” che praticano l’arte marziale del Ju-Jitsu, hanno partecipato a manifestazioni e a gare svoltesi a Roma, Genova …

Nizza, città francese o italiana?

Intervista allo storico e politico Alain Roullier-Laurens
LA CITTÀ DI NIZZA RIPENSA AL SUO PASSATO ITALIANO
Ha dato i natali a Giuseppe Garibaldi, artefice dell'unità nazionale
Perché in certi libri scolastici non si parla della cessione della città di Nizza e della regione della Savoia da parte del governo di Torino a quello di Parigi nel 1860? Da questo interrogativo prende lo spunto l'intervista che segue, rilasciataci da Alain Roullier-Laurens, fondatore della “Lega per la restaurazione delle libertà nizzarde”.
Nato a Nizza nel 1946, Alain Roullier-Laurens discende per parte di madre da una famiglia residente a Nizza ancor prima del 1388, anno della dedizione ai Savoia, ed è autore di numerosi libri che hanno provocato scalpore - ogni volta che sono usciti - sull'ideologia indipendentista nizzarda, sui retroscena dell'annessione e del falso plebiscito. I libri di Alain Roullier si basano su documenti inediti ed adoperati per la prima volta, come il monumentale "Ni…

Arti marziali, non è mai troppo tardi per iniziare. Intervista all’allenatore federale Monica Mano

VILLORBA - “Sono 23 anni che mi sono avvicinata al mondo delle arti marziali: ho iniziato tardi, ma è sempre stata la passione di una vita”, è con queste parole che Monica Mano descrive la propria esperienza di karateca iniziata nel 1995. Oggi Monica Mano è allenatore federale FIJLKAM/CONI, insegnante tecnico di Karate e cintura nera III DAN, nonché consigliere della società “Asd Studio Karate Ju Jitsu 2002” e responsabile tecnico degli insegnanti per il settore Karate. “Nell’ambito delle gare di Fighting di Ju Jitsu – aggiunge Monica – do il mio supporto tecnico soprattutto per la prima parte della gara, cioè la fase di combattimento con calci e pugni”.


Rispetto ad altre discipline di arti marziali, come Aikido, Judo e Karate, qual è la peculiarità del Ju Jitsu?
Tutte le arti marziali, per la formazione che danno, sono discipline valide. Sicuramente nel Ju Jitsu si ottiene una formazione finalizzata soprattutto ad acquisire un’ottima capacità di difesa personale.
Monica Mano (allenator…