Passa ai contenuti principali

La Sim De Asmundis? Un brutto capitolo per i risparmiatori!

NAPOLI - Lo scandalo della "Banca popolare del Meridione" evidenzia ancora una volta la necessità di garantire maggiori tutele ai risparmiatori. Numerosi gli scandali legati a promotori finanziari senza scrupoli, come quello legato alla Sim De Asmundis. Proprio per ricordare questo episodio e trarne una lezione, ne parliamo, con l'intervista che segue, con l'avv. Agostino La Rana, fondatore dell'Associazione antiusura Arpa e autore di numerose e apprezzate pubblicazioni nel settore finanziario.

Avv. La Rana, può descrivermi, in sintesi, la storia della Sim di De Asmundis?
Nel 1996 una Società d'Intermediazione Mobiliare napoletana fallì e si trovò nelle condizioni di non poter più rimborsare i risparmiatori che le avevano affidato i propri soldi da amministrare.

Quanti risparmiatori sono stati coinvolti nell'operazione di questa Sim?
Le cronache dell'epoca riferirono di circa 900 soggetti.

In genere a quale ceto appartenevano i risparmiatori della Sim?
Erano quasi tutte famiglie della media e alta borghesia napoletana.

C'erano anche alcuni magistrati...
Sì. E quest'ultimo particolare determinò una conseguenza importante; com'è noto, le indagini penali - e i successivi processi penali - ove siano parti lese magistrati, sono di competenza di un distretto di Corte d'Appello diverso da quello nel quale risiedono i magistrati. Per tale motivo, i processi su questa vicenda, si celebrarono a Potenza e Roma.

Ci furono diversi processi...
Sia civili che penali. Tra questi ultimi, ricordo, in particolare, quello per bancarotta fraudolenta (a Potenza, ndr).

I processi sono ancora in corso?
In effetti, tra i vari processi, uno solo - di carattere civile - diede soddisfazione alle vittime di quel fallimento: la CONSOB venne condannata a risarcire i risparmiatori. In pratica, il Tribunale accertò che l'omessa vigilanza sulla società da parte di quell'organo istituzionale, aveva danneggiato i risparmiatori.

Alla luce di quanto è successo con questa Sim, lei quali consigli si sente di dare ai risparmiatori?
Di non seguire le mode e di praticare una sana diffidenza, anche nei confronti di certi giornalisti economici che - sovente - scrivono i loro articoli sotto dettatura o comunque per compiacere taluno, naturalmente ricambiati.

Ci sono delle analogie tra la Sim De Asmundis e il recente scandalo della "Banca del Meridione"?
Bisogna tenere presente, innanzitutto, le diverse epoche, perché oggi, a causa della crisi economica internazionale, i risparmiatori non soltanto sono diminuiti di numero, ma dispongono anche di cifre più basse. Non a caso, i risparmiatori oggi vittime di Raffaele Cacciapuoti e del suo fantomatico/famigerato "Comitato promotore della Banca Popolare del Meridione" sono inferiori come numero e prevalentemente già operanti nei circuiti finanziari: ciò è sorprendente, considerando che la loro esperienza avrebbe dovuto condurli a una maggiore prudenza.

Quali sono, in conclusione, le sue considerazioni sulla Sim di De Asmundis?
In Italia manca l'educazione al risparmio e, più in generale, l'educazione finanziaria. Nessuno pretende che se ne occupino le tradizionali "agenzie formative" - come famiglia e scuola -, ma qualcuno deve pur occuparsene, su scala nazionale e/o locale. Da quest'ultimo punto di vista, vorrei segnalare l'iniziativa della Società cooperativa "CAT - Centro Servizi Campania", che ha presentato alla Camera di commercio di Napoli un progetto per l'educazione finanziaria e la promozione/costituzione di organismi finanziari senza scopo di lucro nella provincia di Napoli. (a cura di Carlo Silvano)

Commenti

Post popolari in questo blog

E' a Villorba il "cuore veneto" dell'arte marziale del Ju-Jitsu

Villorba - Sono già quattro anni che gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” di Villorba partecipano a manifestazioni sportive, sia a livello nazionale che interregionale, ottenendo apprezzabili riconoscimenti. “La nostra squadra di atleti – afferma il direttore tecnico Sergio cav. Collodet – è composta da fanciulli e ragazzi per la sezione pre-agonistica e per quella agonistica da esordienti in poi. Nella nostra regione non sono tante le società sportive che praticano ilfighting e di conseguenza alle varie manifestazioni organizzate in ambito Fijlkam Coni il nostro gruppo di Villorba si ritrova praticamente da solo a rappresentare il Veneto”.

cav. Sergio Collodet (direttore tecnico dell'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002)

Il “fighting” è un termine inglese che si traduce in “combattimento” e in questi ultimi mesi gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” che praticano l’arte marziale del Ju-Jitsu, hanno partecipato a manifestazioni e a gare svoltesi a Roma, Genova …

Nizza, città francese o italiana?

Intervista allo storico e politico Alain Roullier-Laurens
LA CITTÀ DI NIZZA RIPENSA AL SUO PASSATO ITALIANO
Ha dato i natali a Giuseppe Garibaldi, artefice dell'unità nazionale
Perché in certi libri scolastici non si parla della cessione della città di Nizza e della regione della Savoia da parte del governo di Torino a quello di Parigi nel 1860? Da questo interrogativo prende lo spunto l'intervista che segue, rilasciataci da Alain Roullier-Laurens, fondatore della “Lega per la restaurazione delle libertà nizzarde”.
Nato a Nizza nel 1946, Alain Roullier-Laurens discende per parte di madre da una famiglia residente a Nizza ancor prima del 1388, anno della dedizione ai Savoia, ed è autore di numerosi libri che hanno provocato scalpore - ogni volta che sono usciti - sull'ideologia indipendentista nizzarda, sui retroscena dell'annessione e del falso plebiscito. I libri di Alain Roullier si basano su documenti inediti ed adoperati per la prima volta, come il monumentale "Ni…

Arti marziali, non è mai troppo tardi per iniziare. Intervista all’allenatore federale Monica Mano

VILLORBA - “Sono 23 anni che mi sono avvicinata al mondo delle arti marziali: ho iniziato tardi, ma è sempre stata la passione di una vita”, è con queste parole che Monica Mano descrive la propria esperienza di karateca iniziata nel 1995. Oggi Monica Mano è allenatore federale FIJLKAM/CONI, insegnante tecnico di Karate e cintura nera III DAN, nonché consigliere della società “Asd Studio Karate Ju Jitsu 2002” e responsabile tecnico degli insegnanti per il settore Karate. “Nell’ambito delle gare di Fighting di Ju Jitsu – aggiunge Monica – do il mio supporto tecnico soprattutto per la prima parte della gara, cioè la fase di combattimento con calci e pugni”.


Rispetto ad altre discipline di arti marziali, come Aikido, Judo e Karate, qual è la peculiarità del Ju Jitsu?
Tutte le arti marziali, per la formazione che danno, sono discipline valide. Sicuramente nel Ju Jitsu si ottiene una formazione finalizzata soprattutto ad acquisire un’ottima capacità di difesa personale.
Monica Mano (allenator…