Passa ai contenuti principali

La tragedia delle foibe: una lezione da non dimenticare

Lo scorso 22 marzo a Catena di Villorba (Treviso) sulla tragedia delle foibe si sono confrontati – nel corso di una serata culturale promossa dalla locale sezione dell'Associazione Trevisani nel Mondo –, lo storico Arrigo Petacco e il teologo Antonio Guidolin. Nel corso del dibattito è stato anche evidenziato come le cosiddette “pulizie etniche” di ieri (si pensi al genocidio degli armeni o agli italiani infoibati in Istria), come quelle di oggi (ad esempio i massacri in Ruanda, Nigeria, Sudan e Irak), trovino un terreno favorevole in quelle società dominate da pseudo valori e pregiudizi razziali. E in questi giorni, proprio a Villorba – nei pressi del parco commerciale di via Fratelli Rosselli –, ho notato una scritta, accompagnata dal simbolo dei nazisti, contro il popolo dei rom. Comprendo l'insofferenza e il disagio che può provare chi ha subito furti o altre violenze proprio da parte di quei rom che non rispettano le regole del vivere civile, ma sono anche convinto che bisogna seguire la strada della legalità, facendo leva sulla scolarizzazione dei minori. In questo contesto, certe scritte – come quelle recanti anche i simboli dei criminali più pericolosi della storia recente – riescono solo ad avvelenare il vivere sociale delle nostre comunità.



Sperando che la storia non si ripeta, personalmente mi auguro – soprattutto per rispetto alle vittime delle foibe – che le autorità competenti provvedano quanto prima ad assicurare alla giustizia gli autori di quella scritta, infliggendo loro una pena esemplare: evitando, magari, di metterli in galera – dove potrebbero diventare più pericolosi e cattivi –, ma obbligandoli a compiere dei lavori socialmente utili a favore dei meno abbienti. (Carlo Silvano)

Commenti

Post popolari in questo blog

E' a Villorba il "cuore veneto" dell'arte marziale del Ju-Jitsu

Villorba - Sono già quattro anni che gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” di Villorba partecipano a manifestazioni sportive, sia a livello nazionale che interregionale, ottenendo apprezzabili riconoscimenti. “La nostra squadra di atleti – afferma il direttore tecnico Sergio cav. Collodet – è composta da fanciulli e ragazzi per la sezione pre-agonistica e per quella agonistica da esordienti in poi. Nella nostra regione non sono tante le società sportive che praticano ilfighting e di conseguenza alle varie manifestazioni organizzate in ambito Fijlkam Coni il nostro gruppo di Villorba si ritrova praticamente da solo a rappresentare il Veneto”.

cav. Sergio Collodet (direttore tecnico dell'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002)

Il “fighting” è un termine inglese che si traduce in “combattimento” e in questi ultimi mesi gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” che praticano l’arte marziale del Ju-Jitsu, hanno partecipato a manifestazioni e a gare svoltesi a Roma, Genova …

Nizza, città francese o italiana?

Intervista allo storico e politico Alain Roullier-Laurens
LA CITTÀ DI NIZZA RIPENSA AL SUO PASSATO ITALIANO
Ha dato i natali a Giuseppe Garibaldi, artefice dell'unità nazionale
Perché in certi libri scolastici non si parla della cessione della città di Nizza e della regione della Savoia da parte del governo di Torino a quello di Parigi nel 1860? Da questo interrogativo prende lo spunto l'intervista che segue, rilasciataci da Alain Roullier-Laurens, fondatore della “Lega per la restaurazione delle libertà nizzarde”.
Nato a Nizza nel 1946, Alain Roullier-Laurens discende per parte di madre da una famiglia residente a Nizza ancor prima del 1388, anno della dedizione ai Savoia, ed è autore di numerosi libri che hanno provocato scalpore - ogni volta che sono usciti - sull'ideologia indipendentista nizzarda, sui retroscena dell'annessione e del falso plebiscito. I libri di Alain Roullier si basano su documenti inediti ed adoperati per la prima volta, come il monumentale "Ni…

Federico Bettiol, Dieci anni col Kimono di Karate e di Ju-Jitsu

VILLORBA - Nella squadra degli agonisti della "Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002" uno degli atleti di riferimento è certamente Federico Bettiol (foto a dx), classe 1996, che ha iniziato a praticare karate all'età di 12 anni e, attualmente, ha raggiunto la cintura "Nera 1^ DAN" di Karate e quella "Blu" di Ju-Jitsu.  L'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002 ha sede a Villorba e ha come direttore tecnico il cav. Sergio Collodet.
"Ho scelto di praticare arti marziali per imparare a difendermi - afferma Federico -, ma soprattutto per migliorare la mia condizione fisica; inoltre, ero alla ricerca di uno sport in cui non ci fosse rivalità tra compagni all’interno dello spogliatoio, cosa che invece ho sperimentato in altri sport".
Federico, cosa si prova la prima volta che si sale su un tatami per una gara con un ragazzo completamente sconosciuto? In base alla mia personale esperienza posso dire che la prima volta che sali sul tatami e non sai chi ti tro…