Passa ai contenuti principali

Le streghe della Mesolcina e della Val Calanca

Apro un nuovo blog dedicato ai miei articoli e alla mia attività. Inizio con un articolo - dedicato a una terra a me molto cara - riguardante la Mesolcina e la Val Calanca: propongo parte dell'intervista rilasciatami dal dottor Luca a Marca nel 2006. Il testo integrale dell'intervista è contenuto nel volume "Autorità e responsabilità nella Chiesa Cattolica" (a cura di Carlo Silvano, edizioni del noce 2006).


IL CARDINALE CARLO BORROMEO
E LA CACCIA ALLE STREGHE
NELLA VALLE DELLA MESOLCINA


Il tema dell’Autorità nella Chiesa cattolica si presenta particolarmente delicato quando si toccano questioni legate all’Inquisizione e alla cosiddetta “caccia alle streghe”, dove, ad un primo acchito, sembrano cocenti e inappellabili le responsabilità che non pochi ecclesiastici hanno avuto in merito a processi subiti da uomini e donne condannati poi al rogo. E trattare dei processi per stregoneria significa anche parlare di una figura emblematica della Chiesa cattolica: san Carlo
Borromeo, arcivescovo di Milano. Al card. Borromeo sono state mosse non poche accuse
in merito alle sue presunte responsabilità nei processi svoltisi nel 1583 per stregoneria nelle valli della Mesolcina (1) e della Calanca. Su questa delicata questione interviene Luca a Marca (2) con l’intervista che segue.


Può descrivermi la situazione sociale e religiosa della valle della Mesolcina ai tempi del card. Carlo Borromeo, arcivescovo di Milano?
La Valle, e qui comprendo anche la parallela e confluente val Calanca, che da tre decenni (1549) si era sbarazzata dalla dominazione feudale e trivulziana, era libera sì, ma si trovava sotto l’influsso di immigrati riformati provenienti dal nord e da ovest, ed anche di numerosi religiosi “apostati” fuggiti dai conventi italiani. Viveva dunque in una sorta di statuto libero e al contempo di “terra di nessuno”, invasa da fuggiaschi, e di conseguenza la gente comune, illetterata, subiva l’influsso disordinato di esempi contrastanti, in prevalenza negativi. La confessione prevalente era quella cattolica, ma con molti esempi d’immoralità
proveniente, in parte, da fuori, soprattutto tramite il clero corrotto. Ciò favoriva il diffondersi della propaganda protestante anti-romana discesa dal nord e da
vari predicanti lombardi (3).

…e sotto il profilo economico?
La Valle era povera, di struttura quasi unicamente rurale, fatta di tanti indigenti e poche famiglie agiate, con qualche supplementare provento derivante dal transito merci sud-nord, ma anche soggetta a dazi e balzelli. Fortunatamente non c’era ancora la paura della peste, che già imperversava più a sud.

Nelle sue relazioni al Vaticano, il card. Borromeo come descrive la Mesolcina?
In un suo primo rapporto il card. Borromeo dà una valutazione abbastanza positiva del popolo che è ancora cattolico, devoto e fiducioso, ma ignorante e disorientato dal cattivo esempio dei notabili e di una parte del clero divenuto eretico e di condotta riprovevole. In seguito, nel suo rapporto del 9 dicembre 1583, inviato da Bellinzona al card. Paleotti, e in cui definisce il popolo “universalmente catholico e ben inclinato”, il card. Borromeo tocca tre punti: l’incuria delle strutture ecclesiastiche, la dissolutezza del clero in parte eretico e la presenza della stregoneria. Nella “relatione sumaria” si parla dell’eresia calvinista che ha colpito di più l’alta Valle, confinante col nord, del concubinato dei preti, dell’avarizia e pratica dell’usura fra la gente, dei matrimoni irregolari, cioè per parentela proibita o per divorzio, e dei libri eretici da eliminare.

Ma la visita pastorale che l’Arcivescovo di Milano compì nel 1583 era dettata solo da motivazioni pastorali?
In sostanza sì. Le due motivazioni principali, infatti, erano la ricostituzione di una comunità veramente cattolica, moralmente sana, e la creazione di un collegio
di padri Gesuiti a Roveredo.

Durante l’episcopato del card. Borromeo quanti processi per stregoneria furono celebrati e quante le condanne eseguite?
In base a quanto trovato e solo per quanto concerne la Val Mesolcina-Calanca, rispondo citando il prof. Rinaldo Boldini, il quale scrive che, al di fuori della
Mesolcina, in nessuna relazione di visite pastorali compiute dal card. Borromeo si indicano processi di stregoneria da lui organizzati o, quantomeno, promossi (4).
Il famoso giureconsulto mantovano Borsatto, fattosi gesuita, fu inviato in Valle dal card. Borromeo un mese prima della Visita pastorale e su esplicita richiesta dei maggiorenti vallerani. Il Borsatto individuò e processò più di cento persone sospette di stregoneria, tra cui il prevosto della Collegiata. Quaranta di queste
furono “comprovate”, ovvero riconosciute come colpevoli di stregoneria; ma molte di loro, pubblicamente, si “pentirono” e “convertirono” e così furono graziate.
Lo storico Paolo d’Alessandri, poi, in una pubblicazione del 1909, scrive che le condanne si ridussero ad una dozzina. Spettava comunque al braccio secolare, cioè ai giudici laici vallerani, il diritto di pronunciare una sentenza di morte, di eseguirla o di graziare il condannato. Il diritto del Grigione, infatti, non permetteva la condanna a morte se oltre alle prove di colpevolezza non ci fosse stata anche l’ammissione – ma senza pentimento – dell’imputato. Nella relazione del
9 dicembre 1583 si dà notizia di sette donne finite sul rogo in quei giorni.

Tecnicamente come si svolgeva un processo per stregoneria?
Gli individui sospetti, su denuncia di almeno tre persone o di un’altra già giudicata come... [continua]
_______________

1. La valle della Mesolcina fa parte del cantone svizzero dei Grigioni ed è attraversata dal fiume Moesa. Per la sua posizione geografica unisce duemondi
culturali: latino e germanico. Inoltre, come tante aree di confine, ha sperimentato
anche degli attriti, specie religiosi come quelli legati alla Riforma, che inevitabilmente si verificano nel corso dei secoli. Attualmente la Mesolcina rientra nei confini della diocesi di Coira ma al tempo del card. Carlo Borromeo era sottoposta alla giurisdizione dell’arcidiocesi di Milano.

2. LUCA A MARCA (Mesocco 1930), è coniugato e ha sette figli. Ha svolto la
professione dimedico ed è presidente del Consiglio di Fondazione Archivio a Marca di Mesocco, che rappresenta ilmaggior archivio privato a pubblica disposizione nel cantone dei Grigioni. E’, inoltre, proprietario dell’omonimo palazzo (fatto costruire a Mesocco nel 1565 dal suo antenato diretto il colonnello Giovanni a Marca) che nel novembre del 1583 servì ad ospitare il card. Borromeo intento a visitare la valle della Mesolcina.

3. Nella “Relazione” del card. Borromeo, datata 15 novembre 1583 e inviata a Roma, si menzionano gli eretici Giovanni Antonio Viscardi, detto “Trontano”, Giovanni Beccaria, detto “Canessa”, e Lodovico Besozzo.

4. RINALDO BOLDINI, “Preparazione svolgimento e risultati della visita di san Carlo Borromeo al Moesano”, in “Quarto centenario della visita di san Carlo Borromeo nel Moesano, 1583-1983”, pubblicazione commemorativa, stampa Tipografia Mesolcinese, Roveredo (Grigioni - Svizzera), 1983, p. 17.

Nota: nel blog http://questionidiidentita.blogspot.com/ ho inserito un'intervista al prof. Giorgio Tognola, il quale parla del suo libro "Miserere mei" dedicato alla Val Calanca e alla Mesolcina.

Commenti

Post popolari in questo blog

E' a Villorba il "cuore veneto" dell'arte marziale del Ju-Jitsu

Villorba - Sono già quattro anni che gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” di Villorba partecipano a manifestazioni sportive, sia a livello nazionale che interregionale, ottenendo apprezzabili riconoscimenti. “La nostra squadra di atleti – afferma il direttore tecnico Sergio cav. Collodet – è composta da fanciulli e ragazzi per la sezione pre-agonistica e per quella agonistica da esordienti in poi. Nella nostra regione non sono tante le società sportive che praticano ilfighting e di conseguenza alle varie manifestazioni organizzate in ambito Fijlkam Coni il nostro gruppo di Villorba si ritrova praticamente da solo a rappresentare il Veneto”.

cav. Sergio Collodet (direttore tecnico dell'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002)

Il “fighting” è un termine inglese che si traduce in “combattimento” e in questi ultimi mesi gli atleti della “Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002” che praticano l’arte marziale del Ju-Jitsu, hanno partecipato a manifestazioni e a gare svoltesi a Roma, Genova …

Nizza, città francese o italiana?

Intervista allo storico e politico Alain Roullier-Laurens
LA CITTÀ DI NIZZA RIPENSA AL SUO PASSATO ITALIANO
Ha dato i natali a Giuseppe Garibaldi, artefice dell'unità nazionale
Perché in certi libri scolastici non si parla della cessione della città di Nizza e della regione della Savoia da parte del governo di Torino a quello di Parigi nel 1860? Da questo interrogativo prende lo spunto l'intervista che segue, rilasciataci da Alain Roullier-Laurens, fondatore della “Lega per la restaurazione delle libertà nizzarde”.
Nato a Nizza nel 1946, Alain Roullier-Laurens discende per parte di madre da una famiglia residente a Nizza ancor prima del 1388, anno della dedizione ai Savoia, ed è autore di numerosi libri che hanno provocato scalpore - ogni volta che sono usciti - sull'ideologia indipendentista nizzarda, sui retroscena dell'annessione e del falso plebiscito. I libri di Alain Roullier si basano su documenti inediti ed adoperati per la prima volta, come il monumentale "Ni…

Federico Bettiol, Dieci anni col Kimono di Karate e di Ju-Jitsu

VILLORBA - Nella squadra degli agonisti della "Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002" uno degli atleti di riferimento è certamente Federico Bettiol (foto a dx), classe 1996, che ha iniziato a praticare karate all'età di 12 anni e, attualmente, ha raggiunto la cintura "Nera 1^ DAN" di Karate e quella "Blu" di Ju-Jitsu.  L'Asd Studio Karate Ju-Jitsu 2002 ha sede a Villorba e ha come direttore tecnico il cav. Sergio Collodet.
"Ho scelto di praticare arti marziali per imparare a difendermi - afferma Federico -, ma soprattutto per migliorare la mia condizione fisica; inoltre, ero alla ricerca di uno sport in cui non ci fosse rivalità tra compagni all’interno dello spogliatoio, cosa che invece ho sperimentato in altri sport".
Federico, cosa si prova la prima volta che si sale su un tatami per una gara con un ragazzo completamente sconosciuto? In base alla mia personale esperienza posso dire che la prima volta che sali sul tatami e non sai chi ti tro…