Passa ai contenuti principali

Liberi reclusi, terza edizione


Giunto alla sua terza edizione, questo volume di Carlo Silvano testimonia l'interesse che il grande pubblico ha per la vita e le problematiche di quanti sono reclusi in un Istituto penale minorile.
 

Rispetto alle precedenti, questa edizione è stata arricchita con una prefazione a firma dell'on. Simonetta Rubinato, deputato a Montecitorio, e con due nuovi capitoli redatti sotto forma d'intervista: nel primo, si “esce” dalle mura del carcere per parlare con la psicologa Rita Giannetti di alcuni pericoli che possono condurre i minori a seguire strade che un giorno li potrebbero portare dietro le sbarre; nel secondo capitolo, invece, con don Marco Di Benedetto, si sottolinea il ruolo che i volontari sono chiamati a svolgere nelle carceri per poter rappresentare un prezioso punto di riferimento per la crescita umana dei detenuti. Una crescita che - come sostiene l'Autore - può avvenire solo in un ambiente libero da ogni forma di buonismo e di disumana carcerazione.
Da gennaio 2010 Silvano è anche impegnato a promuovere incontri pubblici sulla realtà della carcerazione presso parrocchie, librerie e biblioteche, sottolineando l'esigenza di coniugare la certezza della pena con una detenzione che rispetti la dignità del recluso. 
Armando Fiscon
(Edizioni del noce)

Commenti

Post popolari in questo blog

Nizza, città francese o italiana?

Intervista allo storico e politico Alain Roullier-Laurens
LA CITTÀ DI NIZZA RIPENSA AL SUO PASSATO ITALIANO
Ha dato i natali a Giuseppe Garibaldi, artefice dell'unità nazionale
Perché in certi libri scolastici non si parla della cessione della città di Nizza e della regione della Savoia da parte del governo di Torino a quello di Parigi nel 1860? Da questo interrogativo prende lo spunto l'intervista che segue, rilasciataci da Alain Roullier-Laurens, fondatore della “Lega per la restaurazione delle libertà nizzarde”.
Nato a Nizza nel 1946, Alain Roullier-Laurens discende per parte di madre da una famiglia residente a Nizza ancor prima del 1388, anno della dedizione ai Savoia, ed è autore di numerosi libri che hanno provocato scalpore - ogni volta che sono usciti - sull'ideologia indipendentista nizzarda, sui retroscena dell'annessione e del falso plebiscito. I libri di Alain Roullier si basano su documenti inediti ed adoperati per la prima volta, come il monumentale "Ni…

Enrico Galvan, Dono e servizio per crescere insieme

VILLORBA - “Nella nostra parrocchia di Villorba il Circolo NOI Associazione è sorto intorno al 2007 grazie all’impegno di varie persone, come Sergio Fadel, Dino Biscaro e Albina Tempesta. A livello locale la nostra realtà associativa ha un certo rilievo: lo scorso anno, ad esempio, avevamo 493 iscritti”. A parlare è Enrico Galvan che in questi ultimi quattro anni ha guidato il Circolo di Villorba in qualità di presidente. “Il nostro principale obiettivo – continua Galvan – è quello di sostenere la formazione dei bambini e dei giovani e per fare questo abbiamo bisogno di crescere come associazione, elaborare progetti, condividere obiettivi e rispettare gli impegni: la testimonianza, il dono e il servizio nascono proprio dall’azione comune di chi sceglie di non agire singolarmente, ma sceglie di ascoltare gli insegnamenti di quella scuola di aggregazione e solidarietà che è da sempre l’oratorio”.
Il Direttivo del NOI di Villorba
Per i bambini il NOI promuove da diversi anni il Grest estiv…

Fedorov Eric, La palestra come scuola di vita

Ricevo e volentieri pubblico il testo ricevuto da un bambino di quarta elementare che pratica arti marziali.


Il “mio” luogo unico e speciale è la palestra dove mi alleno a fare Ju Jitsu. La palestra, che si trova in via Solferino, non è molto grande, però è arricchita di splendidi colori: rosso, giallo, verde e arancione. È un luogo particolarmente significativo e unico perché mi sfogo e mi diverto moltissimo. Adoro trattenermi in quel posto quando mi alleno fino alle nove di sera e finisco l’allenamento intensivo per prepararmi alle gare più impegnative ed importanti, che mi portano ad andare fino a Napoli! Quando entro in palestra, appena metto piede sulla pavimentazione in legno, tutte le cose brutte che mi sono successe in quel giorno ad un tratto, come per magia, non le penso più: nella mia mente entrano solo immagini splendide e fantastiche ed escono dalla mia testa i pensieri e le sensazioni più brutte e tristi. Io non vorrei lasciare mai quel posto perché per me è un ambiente mag…